MASI AGRICOLA

Facebook MasiTwitter MasiYoutube MasiTwitter MasiFlicker MasiLinkedin Masi
itaeng
UN ASSAGGIO DI AMARONE LUNGO 30 ANNI

UN ASSAGGIO DI AMARONE LUNGO 30 ANNI

16/04/2018

Una celebrazione in grande stile con il Gruppo Tecnico Masi voluta da Veronafiere al 52esimo Vinitaly in onore dei 30 anni del Seminario Tecnico che ha contribuito nel tempo a rendere l’Amarone emblema di quel Made in Italy famoso in tutto il mondo.

In sala Argento del Palaexpo della fiera scaligera si è tenuta una verticale di Amarone indimenticabile alla presenza della stampa italiana e straniera e un pubblico selezionato di esperti. Un assaggio lungo 30 anni, che ha dato modo di cogliere i molteplici aspetti e ricostruire in successione logica l’evoluzione tecnico-scientifica e stilistica del grande rosso veronese e la sua ascesa al successo.

Protagonisti assoluti della verticale due tra i più emblematici Amaroni di Masi, i cru Vaio Armaron di Serego Alighieri - proveniente dalle storiche tenute dei discendenti del sommo poeta Dante in Valpolicella dal 1353 - e Mazzano - prodotto dall’omonimo vigneto vocato le
cui qualità sono note sin dal XII sec. anch’esso nella zona Classica della Valpolicella, più volte definito il prototipo dell’Amarone.

In successione cronologica dall’annata 1988 alla 2007, attraverso 3 decadi di storia, sono state assaggiate 8 espressioni di Amarone presentate dalle voci dei relatori del Gruppo Tecnico Masi sottolineando così al contempo le competenze multidisciplinari di questo team di lavoro. Sandro Boscaini, Presidente di Masi, conosciuto ai più anche come Mister Amarone, ha evidenziato gli aspetti storici e tradizionali dell’Amarone come colui che ha vissuto in prima persona questo vino fin dal suo debutto sui mercati internazionali. Lanfranco Paronetto, Coordinatore Tecnico, ne ha approfondito gli aspetti tecnico-scientifici parlando in particolare di biologia dell’Amarone tra lieviti e muffa nobile. Andrea Dal Cin, Direttore Tecnico, ha sottolineato gli aspetti peculiari della lavorazione delle uve appassite dal vigneto alla vinificazione.

Infine Raffaele Boscaini, Coordinatore del Gruppo, ha illustrato cosa significa l’Amarone oggi per i consumatori di tutto il mondo e come si sia ritagliato un importante ruolo di rappresentante del made in Italy. Raffaele Boscaini ha così concluso: “Il sodalizio trentennale tra Masi e Veronafiere ci ha dato modo oggi di ripercorrere la storia, le tradizioni e le trasformazioni tecniche di un vino veronese che si è distinto per la sua unicità nel panorama vitivinicolo internazionale. L’approccio scientifico e quindi la conoscenza dei fenomeni rappresentano la base su cui costruire l’Amarone di domani; auspicabilmente potremo soddisfare o addirittura anticipare le aspettative degli appassionati di tutto il mondo”.

“Il Seminario Masi rappresenta un importante asset di Vinitaly nell’ambito della ricerca tecnico-scientifica applicata al vigneto e alla vinificazione, di cui beneficia tutto il settore e arricchisce ed eleva l’offerta culturale della rassegna.”, ha sottolineato Giovanni Mantovani, Direttore Generale di Veronafiere.

VINI IN DEGUSTAZIONE:
1. Vaio Armaron Serego Alighieri 1988
2. Mazzano Cantina Privata Boscaini 1988
3. Vaio Armaron Serego Alighieri 1995
4. Mazzano Cantina Privata Boscaini 1995
5. Vaio Armaron Serego Alighieri 1997
6. Mazzano Cantina Privata Boscaini 1997
7. Vaio Armaron Serego Alighieri 2007
8. Mazzano Cantina Privata Boscaini 2007

Degustazione condotta da Ian D’Agata, Direttore scientifico a Vinitaly International Academy.

< Indietro